ATCommunication

Brand Awareness

Brand Awareness: ecco perchè è importante

L’autorevolezza del marchio è fondamentale nella costruzione di una strategia marketing efficace.

La brand awareness è la notorietà di un brand rispetto ad un determinato target, il suo posizionamento in base al pubblico di riferimento. L’identità di un marchio nell’immaginario collettivo è un punto fondamentale in una strategia di marketing strutturata ed efficace. La sua indagine e la sua costruzione prevedono tempistiche decisamente più lunghe ed elaborate rispetto alle tecniche più immediate ma il risultato è solido e duraturo, due aggettivi per i quali le aziende vanno pazze.

Perché è importante la brand awareness.

La nostra vita nuota in un mare di identità di brand e a volte non ce ne accorgiamo. Ogni volta che scegliamo qualcosa dallo scaffale del supermercato, compriamo qualcosa online o cantiamo un jingle di una pubblicità vista in TV, entriamo nel target di quel marchio, qualche volta ci sentiamo addirittura parte del mondo che ha formato per noi, uno stile di vita, un modo di vestirsi, una serie di accessori che sono affini alla nostra personalità.

Per un’azienda la brand awareness è fondamentale perché crea diffusione tramite il trasferimento di valori, costruendo fiducia e una percezione positiva nella mente del consumatore. Aiuta inoltre a fare network tra clienti che si scambiano informazioni e fanno del brand un oggetto di discussione, aprendo il bacino di utenza in modi che molto spesso risultano strabilianti.

Come funziona la brand awareness.

Secondo l’economista ed esperto di marketing David Aaker ci sono diversi gradi di notorietà. Il primo – ovviamente il più basso – è l’assenza di conoscenza ed è il punto di partenza dal quale sviluppare una strategia strutturata per accrescere l’awareness. Il secondo step della piramide è quello della Recognition, dove il marchio viene riconosciuto ma nessuno stimolo fa riemergere il ricordo nell’immaginario del consumatore. Con il terzo stadio si comincia a salire di ruolo, infatti il Brand Recall  è un livello in cui la marca non solo viene riconosciuta, ma anche ricordata quando si parla di un determinato settore o compare nella lista di quei quattro o cinque rappresentanti di una specifica categoria di prodotti. Infine, in cima alla piramide brilla il Top of Mind: qui il brand è oramai nella mente dei consumatori ed è il primo ad essere ricordato al momento della scelta.

Come si crea brand awareness.

Una buona strategia per accrescere la consapevolezza del brand è basata su contenuti di qualità. Scrivere un blog, fare storytelling e raccontare il marchio sono alcuni dei capisaldi per coinvolgere gli utenti in un’esperienza che non sia solo di semplice acquisto ma di reale fidelizzazione. Da non sottovalutare la questione dell’interazione: rispondere alle domande, creare discussioni, aiutare i consumatori, tutte piccole azioni che costruiscono un appeal rassicurante e familiare, oltre che ad ottenere feedback interessanti dal pubblico di settore.

Gli strumenti migliore per finalizzare questo tipo di progetto sono naturalmente i social e le campagne di advertising che permettono di diffondere il messaggio in modo capillare e mirato, grazie anche a un pizzico di influencer marketing ben ragionato e collaborazioni con altri brand autorevoli.

Infine, tutti conoscono l’ingrediente che rende questa combinazione perfetta, anche se è il più difficile da applicare: l’autenticità. Che è l’elemento fondamentale per un rapporto di fiducia che duri nel tempo, se si è fortunati anche per sempre.