ATCommunication

Sì viaggiare

"Sì viaggiare" da casa con i tour virtuali

Tour e visite guidate virtuali: ecco dove si sono spinte le nuove frontiere del turismo 2.0 durante la pandemia Covid-19. 

La nostalgia dell’imbarco, di fluttuare nell’infinito verso nuove avventure è una sensazione con la quale dovremo convivere ancora per qualche tempo, d’altro canto il turismo – che  è uno dei settori che è stato letteralmente messo in ginocchio dalla diffusione mondiale del Coronavirus – non può restare fermo ad attendere di vedere la famosa luce in fondo al tunnel, a quel punto potrebbe essere troppo tardi. Ecco perché chi fa viaggiare la gente per lavoro ha deciso di usare ancora una volta il mondo del digitale per coinvolgere i turisti in tour virtuali interattivi, sfruttando al massimo la tecnologia che, in tempi di distanziamento sociale, è una vera ancora di salvataggio nell’oceano tormentato dalla tempesta Covid-19.

Viaggiare a casa con la realtà virtuale.

Il nostro Smartphone può anche diventare un economico visore di realtà virtuale e oggi le app e i siti in VR sono in continuo sviluppo. Si può visitare una moschea in Turchia o uno spettacolare castello in Austria nello stesso giorno, comodamente dal salotto di casa, si può discendere un fiume in canoa, visitare le città d’arte italiane o addirittura varcare i confini dello spazio con una delle molte app della NASA che guida l’utente in un emozionante tour attorno ad una stella nana rossa.

Viaggiare da casa con i videogame.

Anche il mondo dei videogame si è impegnato per soddisfare la voglia di scoprire nuovi mondi e sono molti i giochi che permettono di fare nuove esperienze divertendosi. L’ufficio turistico delle Isole Faroe, per esempio, ha trasformato gli abitanti in veri e propri personaggi dei videogiochi, facendoli girare per l’isola muniti di GoPro mentre il visitatore, munito di joypad virtuale può direzionare i movimenti come se stesse giocando con un VR gaming.

Viaggiare da casa con i social media.

Coinvolgere l’utente in un’esperienza virtuale è la parola d’ordine e gli influencer lo sanno bene. Le guide turistiche si sono trasformate in esperte instagrammer grazie alle dirette live che consentono di visitare i luoghi in modo virtuale ma anche di interagire tramite i commenti. È il caso di una compagnia di Londra che ha ideato una serie di appuntamenti in diretta su Instagram, ciascuno dedicato ad un’attrazione turistica o ad un quartiere londinese. I visitatori vengono guidati in luoghi particolari con foto d’archivio, aneddoti e tutte le curiosità che possono soddisfare la sete di scoperta.

Di sicuro “virtuale” non sarà mai “reale” ma è anche vero che, in ogni viaggio che si rispetti, l’immaginazione ha sempre un ruolo fondamentale.