ATCommunication

2 MINUTE READ

L'era del Calibri sta finendo

Microsoft sta testando nuovi caratteri predefiniti. Non succedeva dal 2007.



Words by Miriam | Styling by Beatrice

29 Giugno 2021

Già annunciato a febbraio come una grandissima novità dell’azienda di Redmond, il pensionamento di Calibri segna praticamente la fine di un’epoca. Dopo circa quindici anni, durante i quali è apparso in tutti i nostri documenti Word scritti di getto, nelle presentazioni e negli excel che non avevamo voglia di modificare, questo carattere si prepara ad essere sostituito da uno dei cinque nuovi lanciati da Microsoft per un test fra gli utenti. Saranno i loro feedback a decidere chi verrà incoronato come predefinito ufficiale, entro la fine dell’anno.

Come era stato progettato il Calibri.
Il carattere era stato creato nei primi anni Duemila dal designer Lucas de Groot adattando alcuni schizzi con angoli arrotondati per facilitare la lettura dello schermo e conferire un tocco di design. A Microsoft piacque così tanto da renderlo l’impostazione predefinita per Windows Vista 2007. Pur non raggiungendo mai l’apprezzamento del blasonato Helvetica, il buon Calibri tutto sommato si è fatto voler bene dagli utilizzatori, diventando parte della loro vita quotidiana. 

L’importanza di rinnovare il design dei caratteri 
Adesso ci si chiede: ok, ma è così importante la scelta di un carattere predefinito? La risposta naturalmente è sì, specialmente se si parla di grafica e design. C’è la questione della leggibilità e poi anche della moda. Non si possono vestire nuove idee con abiti obsoleti e – a meno che non si stia parlando di qualcosa di veramente intramontabile – tutto ha costantemente bisogno di un redesign.

I nuovi caratteri in prova
Microsoft ha commissionato cinque nuovi caratteri: Tenorite è nitido e circolare, con segni di punteggiatura rotondi. Bierstadt è più sobrio e rende omaggio alla tipografia svizzera della metà del secolo. Skeena è un sans serif “umanista”; Grandview, uno “industriale”. Seaford invece prende ispirazione dalla forma delle poltrone moderne: comode ma ergonomiche.
Voi quale preferite?